I MOSAICI di Draghi e Ipocampi

nella “Casa del Drago” dell’antica Kaulonia

di Silvana FRANCO

Il mosaico di Casamatta è formato da 6 riquadri con fiori, con attorno un delfino che guarda un ippocampo, un drago rivolto verso un altro delfino, un grande drago e un grande delfino rivolti l’uno verso l’altro, e un rosone ad un’estremità.
I riquadri ricordano i decori sui soffitti dei templi, dunque ciò che sta in alto, che simboleggia il cielo, si ritrova per terra, in quanto sul pavimento si trova l’elemento sacro dei greci, cioè l’acqua.
Perchè l’acqua?
Casamatta, dapprima edificio residenziale, divenne successivamente un edificio adibito a livello termale. Acqua e cielo si mescolano, diventano un tutt’uno.
I draghi rappresentati, non sono più creature minacciose, sono rassicuranti ed insieme ai delfini e all’ippocampo, aiutano l’uomo a sprigionarsi per interrogarsi e cercare quella strada verso la “conoscenza”.
Per evidenziare lo sguardo del drago, occhio benevolo e rassicurante, c’è una pietra bianca circondata da un filo di piombo.
I delfini erano gli animali sacri ad Apollo, gli amici dell’uomo, capaci di affrontare le avversità e di vincerle.
A tale proposito racconto qualche storia in breve.
Mentre il figlio di Apollo, Icadio, era in viaggio, la sua nave naufragò ed un delfino lo salvò trasportandolo ai piedi del monte Parnaso dove Icadio fondò una città di nome Delfi, in onore del delfino.
Il figlio di Zeus invece, Dioniso, fu attaccato dai pirati durante un viaggio, ma riuscì a trasformare i pirati in delfini.
La cattiveria viene trasformata in bontà, uomini che recavano danni diventano creature che aiutano l’uomo. Nell’Antiquarium di Cropani (Cz) si trova una lastra quadrangolare di terracotta per soffitto a cassettoni, con decorazione a rilievo (fiore e delfini), del III secolo a. C..

“La casa del drago” è il nome con cui si individuano i resti di una casa in cui è stato ritrovato un mosaico pavimentale rappresentanti, tra le altre cose, draghi marini e dei delfini. Diventato negli ultimi anni poi simbolo di Kaulonìa stessa. La casa è grande 17×35 metri (fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Kaulon)

LA CIMONIERA – Maggio 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.